7.10.06

Bene, signore e signori, questo blog è morto, oggi. Non me ne ero accorto, ma è morto, in realtà già da qualche tempo. Modestamente, gli diamo sepoltura.
C'è un bel po' di lavoro all'orizzonte, e questo richiede non tanto una sospensione, quanto un cambiamento. Non lo richiede, diciamolo meglio, si è già prodotto.
Quindi, grazie è stato bello, se ci rincontriamo vuol dire che un po' ci si era capiti. Grazie davvero, qualcuno lo so che mi ha letto qualunque stronzata scrivessi, quasi gliel'avesse ordinato il dottore, quindi grazie. A me faceva piacere leggere i commenti, sapere che qualcuno passava, intavolare, o tentare di intavolare mezze discussioni. Perché ce n'è tuttora bisogno, anzi di più.
C'è bisogno di politica, il vuoto è troppo grande, ci stanno troppo col fiato sul collo, ci sgomberano, e anche se quasi si fa finta di niente, non è un buon segno. Posti, situazioni, realtà che fino alla sera prima si riempivano di quattrocento persone, ora sono vuote, dopo due sgomberi. Perché non ha un valore politico, si va lì per fare festa, e se lo sgomberano e poi lo rioccupano, ma non c'è movimento, se non è cool, noi non ci andiamo.
Coglioni... ma anche voi dell'emerson, con tutto che avete occupato un posto che spacca, smettetela di tirarvela. Vi fottete tutti i giovani, non riuscite a relazionarvi con nessuno, sorridete solo a pochi intimi e sembrate i più duri di tutti (e ormai, lo siete rimasti, probabilmente, e se la "qualità" dell'occupazione dà punti militanza, ne avete fatti un botto a questo giro), ma se non mobilitate un sacco di ragazzini, e ve li iniziate a far frullare attorno, siete morti. E ci sono ragazzx che stanno solo aspettando che qualcuno gli dica come si fa. A fare resistenza, a occupare (occupiamo tutto, sì, cazzo, occupiamo tutto davvero), a mettere in discussione i vecchi, e i potenti, a non cacarsi in mano di fronte alla prima divisa. L'emerson questa esperienza ce l'ha, è tutto il suo tesero, che nessuno sgombero potrà toglierli.
C'è un gran bisogno di politica.
Bene ragazzx, a presto




Tutto quello che trovate in queste pagine è a vostra libera disposizione. Fatene quello che volete, purché non a fini commerciali (dubito, ma non si sa mai).