18.5.06

Di cosa si parla quando si parla di sinistra?

Intanto in bolivia si fa sul serio. (La pagina è in francese) il succo:
Il 1 maggio (che paraculo) evo morales ha nazionalizzato le risorse petrolifere del paese, invertendo i rapporti... prima le compagnie prendevano l'82% e lasciavano allo stato il 18%. Ora è esattamente l'opposto.
Il ragazzo è spiritoso...

Pè mi consiglia un sito www.rebelion.org, in spagnolo. Ho dato un'occhiata ad un articolo sulla colombia, sulle farc, e sono presto scappato ad un altro sito sul quale scrive l'autore, in inglese, il monthly review.
Inoltre, avete sentito parlare di Immanuel Wallerstein? Con tutto che wu ming inizia a starmi un po' sul cazzo (come potrebbe starmi sul cazzo pè, però... ho un debito con loro che dubito ripagherò mai), in fondo ad asce di guerra c'era una citazione di wallerstein, alla luce della quale mi è sembrato piuttosto interessante. Non avessi fatto le 8 a scrivere ste cazzate sarei in libreria a cercare qualcosa di suo.
Nel frattempo: continua una semicasuale esplorazione della letteratura americana anni 30, dopo chiamalo sonno, di roth, ho finito di leggere 42° parallelo, di dos passos (citato in Le vene aperte dell'america latina), e non posso che consigliarlo. Si parla dei primi 20 anni del XX secolo negli usa, quando c'erano ancora scioperi, anarchici e socialisti... e di come siano stati sconfitti.

Sempre in merito a Le vene aperte... cercavo qualcosa sull'africa: sto leggendo ebano, di capucinscki (che non si scrive così ma non ce l'ho sotto mano). Bellissima la descrizione dello spaesamento e del cambio di prospettiva dei soldati africani cui mai prima della seconda guerra mondiale era stato permesso di uscire dall'africa, una volta di fronte alle macerie dell'europa in cui i bianchi si ammazzano tra di loro e non sembrano più così intoccabili. (Ne l'arcobaleno della gravità di Pynchon che solo marina conosco che se l'è letto tutto si parla di un corpo di soldati afrikans dell'esercito tedesco... ma tanto quello è uno dei libri più allucinati che esistano).

Sul versante musica, già che ci siamo, mum, plaid, ellen allien, fred buscaglione, e dopo il leggendario concerto dei deus, i milionaire. Ovviamente sapete come far partire emule...

4 Comments:

Anonymous Ale ha scritto:

Fred Buscaglione ist sexist.

11:46 PM  
Blogger neri ha scritto:

che è un po' come sottolineare cbe l'indice dell'ultimo numero di vogue è impaginato molto bene...
e poi è divertente sentire fred buscaglione che parla male di una snob tanto bellina quanto cretina. poi, ammetto, non lo conosco.
sono le 9.38 (am) sarà mica l'ora di andare a letto?

9:42 AM  
Blogger neri ha scritto:

ps: ci ho messo tantissimo a trovare un paragone adatto... spero renda l'idea.

9:42 AM  
Anonymous Ale ha scritto:

Stella! I paragoni ti vengono benissimo.

4:48 PM  

Posta un commento

<< Home




Tutto quello che trovate in queste pagine è a vostra libera disposizione. Fatene quello che volete, purché non a fini commerciali (dubito, ma non si sa mai).