26.11.05

Ho sonno...

Allora, ecco cosa mi perdo stasera: concerto di Raumschmiere al Ministry (nome iperpompone per la casa del popolo dell'antella, alé), peccato, concerto degli arde core alla flog (il brillante ggioco de parole nasconde un gruppo che canta stornelli rivisitati), un tè con JJ, l'ottavo della giornata nel caso avessi accettato, in realtà mi faceva piacere vederla ma gna fo, un passaggio al volo al Cecco Rivolta (Cecco per gli amici) con una delle vagine volanti e uno del cecco. Sembra un linguaggio in codice? Lo è: una parte marginale ma intensa della popolazione per lo più giovanile vive di questo linguaggio: centri sociali, resistenza, forme di vita altre, studi di genere, antagonismo, più x e meno y. Ci si identifica anche, se non soprattutto, per la capacità di orientarsi in un linguaggio di nicchia, capacità che viene da una pratica e da una consuetudine di vita in quel "circuito" (una certa paraculaggine aiuta). Si intrecciano i percorsi di vita di figli di di tutti i tipi, figli di borghesi di buona famiglia, benestanti se non ricchi, nonostante la crisi, proletari scopertisi miliardari, miliardari scopertisi poveracci senza na lira, e poveracci senza na lira né ora né prima. Figli di, quasi nessuno è già per sé. Eppure l'unica percezione di una possibilità creativa, se non di cambiamento, la infraintuisco qui, in questi ambienti. Occupare una casa, paradossalmente, fatto da dei ragazzini e delle ragazzine, è un gesto creativo. E' una rielaborazione dell'arte precedente, è un atto creativo.
Così, per dire.

2 Comments:

Blogger cassandra ha scritto:

Anch'io sono stanca, guarda che ore sono, e devo ammettere che è tutta colpa tua: ora che so quello che il mio computer può fare non dormirò più tanto facilmente! Devo raccontarti una cosa bellissima, che fa da specchio alla tua proposta "mandela forum"... spero di averti incuriosito abbastanza, ma soprattutto spero che tu stia dormendo pacifico a quest'ora. Se era quello che volevi!

A presto... C.

4:53 AM  
Blogger neri ha scritto:

E meno male che sono andato a letto presto: alle 9.30 mi chiama una vicina: polenta e pablo scorrazzano liberi e felici. Almeno, ho testato una cosa: con le birkenstock riesco a camminare tranquillo anche nel bosco bagnato fangoso senza avere freddo ai piedi (regolarmente senza calzini). La cosa ha del paranormale...

12:00 PM  

Posta un commento

<< Home




Tutto quello che trovate in queste pagine è a vostra libera disposizione. Fatene quello che volete, purché non a fini commerciali (dubito, ma non si sa mai).