25.10.05

Post autoreferenziale venato di blue.

Sono preoccupato per me stesso. Ma neanche troppo. Volevo scrivere della mia memoria, un bel post intenso e meditato, e,lo so è banale, mi sono dimenticato quel che avevo da scrivere. Sono preoccupato per la mia dieta, oscillante tra il nulla e il precotto, quando vinco la fatica di cucinare per me solo, sono preoccupato ma non troppo per la mia inconcludenza, insoddisfazione, ma in realtà con questo mi annoio semplicemente a morte. Sono preoccupato di fallire, di essere o divenire un fallito, paura, come faceva notare Pippi Pasolini, tutta borghese. Basta. Anzi no. Alle volte sono preoccupato che Pablo non sia felice.
Quando leggo un blog non cerco le paranoie altrui, che spesso, quando comunque sia non riesco ad evitarle, sono pure scritte piuttosto male. Cerco letture brillanti, divertenti, profonde, stupide. Mi sto appassionando ad un blog in particolare, che non menzionerò per pudore, figuriamoci. Ma questo per dire, scusate se ammorbo qualcuno. Mi piacerebbe essere sempre divertente, ancorché caustico. Ma non sempre sono dell'umore giusto (neanche troppo spesso, a dire il vero). In realtà sto benissimo avevo solo voglia di scrivere qualcosa e non sapevo che cazzo scrivere.
bacio le mani delle signore

3 Comments:

Anonymous peppe ha scritto:

se ti può far piacere c'è qualcuno sveglio...in parallelo che si pone domande molto simili...anche lui per perdere tempo...

2:36 AM  
Blogger neri ha scritto:

Ciao pè!

11:00 AM  
Blogger cassandra ha scritto:

lo so, it is very easy to be hard-boiled during the day, but at night, it's another thing... (è di Hemingway, più o meno, perché la memoria ;-) è quello che è) Non sai però che sollievo, che sollievo, che sollievo, aver letto il tuo commento al mio post "politico"... Grazie..

4:15 PM  

Posta un commento

<< Home




Tutto quello che trovate in queste pagine è a vostra libera disposizione. Fatene quello che volete, purché non a fini commerciali (dubito, ma non si sa mai).