31.5.05

Sith, same old sith

Una recensione di Star Wars III che apprezzeranno in pochi, perhcé in inglese, ma quei pochi godranno di questo genio, Anthony Lane, che vi propongo a spese del mio necessarissimo sonno. Dove? Ma


QUI


sul New Yorkern naturalmente. No, non crediate che io sia così raffinato da leggere regolarmente il newiocche. Non sapevo nemmeno esistesse. Davvero.

30.5.05

Panico

Macchina o moto? Casco o due caschi?

26.5.05

Verbale del Comitato dei Probiviri Fiorentini

...
Dopo la delibera sull'interramento del sottopassaggio della fortezza, è il turno di affrontare le questioni di ordine pubblico, tutte estremamente urgenti. Proponiamo dunque, con il supporto del membro esterno Der Fluid, i seguenti emendamenti alle leggi sul buoncostume e la pubblica decenza, da applicarsi nella città di Firenze e relativa provincia a partire dalla pubblicazione del prossimo vernacoliere:

1)Le sboldre di 60 e più anni NON possono andare a giro in minigonna e capelli lunghi al vento, a meno che non indossino un cartello di dimensioni non inferiori ai 30 x 15 cm che ne indichi l'appartenenza alla categoria SBOLDRE. Troppe, fanno notare i Probiviri Fiorentini, sono ultimamente le brutte sorprese. Un provvedimento per le 50enni, sebbene altrettanto opportuno, sembra al momento troppo restrittivo. Ma che fine hanno fatto le mamme con i vestiti a fiori stampati?

2) Nell'area di Piazza Giorgini sia fatto divieto alle minorenni di circolare dopo le 18.30, cosicché l'uomo onesto che volesse raggiungere il Palazzo Strizzi un po' in anticipo non abbia a rischiare la propria salute mentale e fisica salvo poi scoprire di aver baccagliato una 15enne. I Probiviri iniziano ad avere una certa.

3) L'intera area denominata centro storico, infine, sia attrezzata con unità di pronto soccorso e rianimazione in proporzione al numero di canottiere femminili rilevate dalle altrimenti inutili telecamere amiche. Nella suddetta zona vengano affissi inoltre cartelli di pericolo per il traffico, o questo venga completamente vietato, e le carreggiate destre di ogni strada vengano trasformate in piscine dove sia permesso fare il bagno nudi.

Firenze, lì 26 Maggio 2005

Manifestazioni di affetto

Stasera sono tornato a casa e come succede quasi sempre dopo che sono stato un po' fuori casa, quando sono tornato Pablo mi ha fatto un sacco di feste, mi ha dato un sacco di leccate, che io ho accolto ben contento. Poi sono arrivato di fronte alla porta di casa e c'era un topo morto. E pablo che scondinzolava, come a dire, "non vedi che bravo che sono, porto a casa la preda?!".

18.5.05

Vite parallele

Plutarco mostraci la via...
Allora: la tesi procede bene. Sto praticamente riscrivendo la "dialettica della natura" di Engels, però. Non è bello. Anche perché G. come Marx ce lo vedo male (ma chissà, se si fa crescere la barba...)
Allora: potrebbe a breve nascere un nuovo blog, parallelo a questo, dove un bardo vigliacco racconta le avventure di guerrieri con spadoni fallici, stregoni isterici, ladri ossessivi compulsivi e compagnia bella. Si fa per dire, bella. Essendo che l'ultima volta che abbiamo giocato mi sono spezzato dal ridere, potrebbe valerne la pena. In quel caso potrei finalmente aprire un mio dominio, in cui fare queste stronzate ma anche cose più serie. Tipo i progetti video.
A propos, è uscito con il manifesto un DVD, "appunti per un film sulle lotte di Melfi". Il titolo è fedele al lavoro, si tratta proprio e solo di appunti, ma, narrato in prima persona, inizia dicendo: "gli operai sono in sciopero da qualche giorno, a melfi, e io sono in fibrillazione, parto o non parto?". Evidentemente, Stefano Consiglio poi è partito, e io, pur nella stessa situazione, sono rimasto. Ergo, ora mi laureo, poi vado a spaccare il mondo.
NOTA: il problema con l'aprire un mio dominio è... che non so come straminchia chiamarlo. Non è mica cosa da poco, sapete. Sì lo so che già lo sapete.
Infine, forse un altro blog si decostoleccerà da questo. Ma non ne parlo ancora, vedremo. Un saluto a sei zampe.

14.5.05

Onanismo aurale

Sono lieto di poter confermare che l'inizio di Mr. Self Destruct, traccia uno dell'album The Downward Spiral dei NIN, è un campionamento paro paro dell'audio di Thx 1138. La cosa fa felice solo me, a giudicare dai commenti, e quindi non si può che parlare di onanismo :)
Miiiiiiii che orecchio che ho! (Sarà che ho ascoltato quell'album alla nausea?)
Ora, scherzi a parte, sono il solo che si esalta all'idea di entrare nel processo creativo di un artista?

10.5.05

Leifa la loca Posted by Hello

Così... disegnavo ed è venuto fuori questo...

8.5.05

Furti, Plagi e dichiarazioni d'amore.

Nella trasmissione Music Farm su rai 2 hanno usato un pezzo della colonna sonora di Fuga da New York. Fanno sentire un po' di bella musica italiana, un mare di TRASH allo stato puro (già basta Iva Zanicchi), e non dicono che stanno rubando a Johnny Carpenter. Paradossale o semplicemente irritante?
Un po' più interessante... ho visto il primo film di George Lucas Thx 1138 l'uomo che fuggì dal futuro, del 1971, prodotto da F.F.Coppola (!). Una mazzata nelle palle senza pari. Ad un certo punto il protagonista guarda un video di un poliziotto robot che sfranta di mazzate un cittadino. Il suono più o meno è Awakka... awakka... wakkawakkawakkawakka. (Potrebbe vagamente ricordare Ratman, lo so. Quel numero in cui lui è nello spazio, chi l'ha letto si ricorda la reiterata serie di mazzate...)
Ad ogni buon conto, quando ho sentito quel suono è scattato qualcosa... devo ancora verificare, ma sono quasi sicuro che la prima o la seconda canzone di "The downward spiral" dei NIN inizi con un campionamento di quel suono. E allora mi immagino Trent Reznor che da bambino resta traumatizzato da quella scena, il cui suono si tatua nel suo cervello, e quando poi fa un disco, un signor disco, e ha bisogno di un suono che esprima awakka wakka lo va a ripescare dal primo film di george lucas. Ah, l'arte! L'art pour l'art. (Aspetto le correzioni della francesista di famiglia)
Awakka. Fletto i muscoli e sono nel vuoto.




Tutto quello che trovate in queste pagine è a vostra libera disposizione. Fatene quello che volete, purché non a fini commerciali (dubito, ma non si sa mai).