20.12.04

Darwin e i brownies.


Ecco il motivo per cui siamo andati a Londra. Io per vedere lui, Carletto D., (saluti, Ale), marina per farmi la foto con lui (i particolari piccanti li vedrete sulla tesi). Il Natural History Museum, che ospita la scultura, è una signora istituzione. Gratuita, come i musei nazionali della regia regina. Ben curata. Ricchissima di reperti. Il NHM è stato costruito Darwin vivente, e a dirigerlo è stato chiamato Richard Owen, paraculo emerito, estensione diretta delle gerarchie cantabrigesi e oxoniensi, col quale Darwin aveva avuto, dopo la pubblicazione dell'Origine, qualche piccolo motivo di tensione. Il buon Owen era uno dei migliori sezionatori di scimmie e anatomista comparato [ho un dubbio...], ma era anche un po' troppo interessato a che nessuno mettesse in discussione il ruolo cosmologico del gentleman vittoriano. Fatto sta, che nel 1885, questa statua viene presentata al principe di Galles, piazzata nel posto che più le si addice: in cima alla prima rampa di scale all'interno del museo, col suo marmo bianco perfino più visibile del diplodoco di 26 metri che occupa tutta la sala d'ingresso.
Bene. Se ora andate al NHM non troverete più quella statua al suo posto. E già questo non vi farà piacere. Se ora andate al NHM, in cima alle scale ci troverete la statua di quel paraculo di Owen, in bronzo scuro, che manco si vede più di tanto, assorbita dalla parete di sfondo. La statua di Darwin, accanto a quella, in posa analoga e pure lei in bianco marmo, di Thomas Huxley, osserva triste i turisti che mangiano brownies nella caffetteria.
Essendo che sono un cacacazzo senza pari sono andato a chiedere perché stessero così le cose. Pare che qualche deficiente si sia seduto sul piede della gamba accavallata di Darwin, spezzandolo.
Comunque, tra le altre cose il museo dispone di una bella biblioteca dove è conservato un patrimonio scandaloso di testi sulle scienze naturali, evoluzionismo incluso. Tant'è che sono riuscito a trovare dei libri che mi servivano per la tesi (David Hull, Metaphysics of evolutionism). E si possono fare pure le fotocopie!
E le fotocopie costano pure 20 pence a foglio!
600 lire perdio! A foglio!




Tutto quello che trovate in queste pagine è a vostra libera disposizione. Fatene quello che volete, purché non a fini commerciali (dubito, ma non si sa mai).